Turkmenistan e Uzbekistan

Turkmenistan e Uzbekistan

Il viaggio comincerà a Khiva, antica capitale cintata da mura possenti ancora perfettamente conservate e dal fascino architettonico quasi metafisico. Si attraversa il confine e si entra in Turkmenistan, un’altro paese ricco di siti archeologici e di antiche tradizioni e poi si rientra in Uzbekistan e subito a Bukhara, antico snodo commerciale sulla Via della Seta.

PROGRAMMA

1°/2° Giorno, Roma -Milano ✈- Urgench ✈ – Khiva
Partenza per Urgench. Pernottamento a bordo. Arrivo in mattinata a Urgench, incontro con la guida e trasferimento in hotel a Khiva. Dopo un breve riposo in hotel si iniziano le visite alla città di Khiva, l’antica capitale di un piccolo khanato indipendente nonché famoso mercato degli schiavi fino al XIX secolo. La città museo di Khiva è circondata da mura perimetrali che racchiudono la città originaria fantasticamente intatta. Si entra da una delle quattro porte. Fra queste la più interessante è la porta est, Pahlevon Darvoza, costituita da un lungo passaggio nelle cui nicchie venivano esposti gli schiavi in vendita. La visita comprende la scuola di Muhammad Amin Khan col vicino minareto di Kalta Minor (il minareto incompiuto), la cittadella fortificata dei sovrani di Khiva, contenente la prigione, la moschea estiva, la zecca, l’harem e la sala delle udienze. Si prosegue per le viuzze della città vecchia fino al centro cittadino dominato dallo splendido minareto Islam Khodja, alto 45 m, dalla cui sommità si gode di una magnifica vista.

3° Giorno, giorno, Khiva – Kunya Urgench (Turkmenistan) – Dashoguz – Ashgabat ✈
Al mattino partenza per Kunya Urgench attraversando il confine. Gurganj, l’antica capitale della Corasmia, vicino alla città di Kunya-Urgench fu potente centro politico, commerciale e religioso islamico dell’Asia Centrale, nel periodo compreso fra il X ed il XIV secolo. I suggestivi resti di questa città, che sorgeva lungo l’antico corso del fiume Amu Darya, si trovano sparsi su di un’area vastissima. I monumenti più interessanti si trovano nella zona meridionale. Si visitano: Il mausoleo di Turebek Khanum, il minareto di Kutlug Timur, il più alto dell’Asia Centrale (62 m), il mausoleo del sultano Tekesh (XIIsec.), il piccolo mausoleo di Arslan II, re selgiuchide, con il suo originale cupola conica a 12 lati. Di fronte al mausoleo, sulla collina dei 40 Mullah, sono sepolti i corpi martoriati dei religiosi che si opposero all’invasione mongola. Più lontano, i resti di un caravanserraglio e di una fortezza. Alla fine della visita ci si dirige verso l’aeroporto di Dashoguz e si parte con il volo serale per Ashgabat. All’arrivo trasferimento in hotel.

4° Giorno, Ashgabat, escursione a Nisa e Anau
Ad Ashgabat al mattino presto si visita il mercato tradizionale e poi si parte per Nisa capitale dei parti (161 a.C.-224 d.C.) di cui sono ancora visibili le suggestive rovine. In cima ad una collina si trovano anche le trincee e le rovine di un gigantesco castello reale che risale a 300 anni prima di Cristo. Proseguimento per la città medioevale di Anau che si trova a 12km da Ashgabat. Qui si visita la moschea antica di Seitjemal Addin Al rientro ad Ashgabat si visitano il museo Nazionale, la moschea Turkmenbashy e il mausoleo della famiglia del presidente.

5° Giorno, Ashkabat – Mery ✈- Merv 
In mattinata trasferimento in aeroporto a partenza per Mery. All’arrivo proseguimento per il sito archeologico di Merv. La fondazione di Merv, un insieme di 5 città fortificate costruite in diversi periodi, risale al VI secolo a. C. ed è attribuita ai zoroastriani. Dopo le rovine di Merv si visita il museo storico. Pernottamento a Mery

6° Giorno, Mery – Bukhara (Uzbekistan)
Al mattino partenza per Turkmenabat. Pranzo in un ristorante locale e proseguimento per Farab, località di confine tra i due paesi. Si attraversa il confine nel pomeriggiio e si prosegue fino ad arrivare a Bukhara.

7° Giorno, Bukhara
Bukhara, città di antica vocazione mercantile e centro di formazione culturale e religiosa musulmana, per due millenni importante snodo commerciale sulla Via della Seta, è dominata dal grande minareto Kalon, alto 50 metri, costruito nel XII secolo, accanto al quale si trova la moschea omonima del XVI secolo ed il gran bazar. Si visitano: scuole Mir Arab (1535) e Amir Alim Khan; il complesso Taqi,  il complesso monumentale di scuole di Kukeldash (1568), Magoki Attari (pozzo dell’erborista) e Nadir Divan Beghi (1622). Si visitano inoltre Ulugh Beg (1417), la madrassa di Abdul Aziz, il complesso di Registan l’Ark, antica cittadella fortificata, ed il complesso Bolo Hauz.

8° Giorno, Bukhara
In mattinata si effettua un’escursione all’elegante mausoleo di Ismail Samani (905), la cui splendida decorazione in muratura, creata con 18 diverse angolazioni dei mattoni, lo distingue dagli altri monumenti islamici. Poi visita al Char Minor (la moschea dai quattro minareti), al mausoleo di Cheshma Ayub e al gran bazar Nel pomeriggio visita al palazzo ottocentesco dell’Emiro, dalle decorazioni stravaganti, al mausoleo del sufi Bakhaeddin Naghshbandi, alle moschee Abdul Faiz Khan e Muzaffar Khan e alla fine si visita la fabbrica delle stoffe di Bukhara. Una delle piazze più affascinanti di Bukhara è Lab-i- Khauz (al bordo della piscina) con alberi di gelso vecchi di 500 anni, una casa da tè, il bazar e la statua di Mulla Nasreddin, il Don Chisciotte del medio oriente.

9° Giorno, Bukhara – Shakhri Sabz – Samarcanda
Al mattino presto, partenza per Shakhr-i-Sabz (città verde) frequentata come località di villeggiatura estiva dagli abitanti di Samarcanda. La località, situata oltre le colline nella valle del fiume Kashka Darya, assume un’importanza storica essendo la città natale di Tamerlano. Si visitano il mausoleo della madre di Tamerlano e altri edifici storici, gelosamente custoditi dagli abitanti in onore del proprio eroe nazionale. Proseguimento per Samarcanda. 

10° Giorno, Samarcanda
Samarcanda fu la grande capitale di Tamerlano (Amir Timur), il condottiero dalle origini turco-mongole che nel XIV secolo unificò l’Asia centrale sotto un unico grande impero, i cui confini giunsero fino al Mediterraneo. Si visitano: la magnifica piazza Rigestan, nel cuore della città, la scuola di Ulug Beg, Shir Dor, la madrasa Tallya-Kari, la moschea di Bibi Khanum, edificata nel 1399 in onore della moglie cinese di Tamerlano, la cui stupenda cupola turchese incanta i visitatori, il bazar; il mausoleo di San Daniele, le rovine di Afrosiab e il museo.

11° Giorno, Samarcanda – Tashkent (treno)
In mattinata si visita l’imponente complesso di necropoli di Shakh-i-Zinda (il re vivente) costruito nei secoli XIV-XV e ricco di splendidi monumenti eretti in onore della famiglia di Tamerlano. Il complesso custodisce l’antico e venerato santuario (XI secolo) di Khusein Ibn Abbas, cugino di Maometto, il Gur-e-Mir, la tomba e il mausoleo di Tamerlano. Si visita poi il complesso architettonico di Imam Ismail Al Bukhori. Nel pomeriggio trasferimneto alla stazione ferroviaria e partenza per Tashkent

12° Giorno, Tashkent – Roma ✈ – Milano ✈
Visita della capitale in mattinata:  la scuola coranica di Kukeldash, il mausoleo di Kaffal Shashi, la madrassa di Barak Khan, la moschea di Hastimom e il mercato aperto di Chor Su. Nel pomeriggio trasferimento in aeroporto e partenza per l’Italia

PREZZI, PARTENZE E INFORMAZIONI SUL VIAGGIO

PARTENZE DI GRUPPO DA MILANO e ROMA 12 GIORNI
GRUPPO da 3 a  8 partecipanti 
2017 2018
3-4 partecipanti:
* Per persona in camera doppia : € 2740
5-8 partecipanti:
* Per persona in camera doppia : € 2440
* Suppl. singola: € 350
* Assicurazioni / doppio visto uzbeko / tasse aer.li: € 480
(visto turkmeno: $ 60 e tasse d’uscita turkmene $ 15 da pagare ai confini)
* Pensione completa
* Hotels: 4 / 3 stelle
* Guida in italiano in Uzbekistan e se disponibile anche in Turkmenistan altrimenti in Turkmenistan in inglese
* Partenze da altre città: € 120

 

Aprile: 21
Maggio: 12
Giugno: 02
Luglio: 14
Agosto: 04
settembre: 01, 15
Ottobre: 06, 20